SOTERIKON
Homepage » Sicurezza sul Lavoro » SICUREZZA SUL LUOGO DI LAVORO » Figure della Sicurezza » Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

RSPP e ASPP

Il D.Lgs 81/08 alla lettera f) definisce «responsabile del servizio di prevenzione e protezione»: persona in possesso delle capacità e dei requisiti professionali di cui all'articolo 32 designata dal datore di lavoro, a cui risponde, per coordinare il servizio di prevenzione e protezione dai rischi;

Il D.Lgs 81/08 alla lettera g) «addetto al servizio di prevenzione e protezione»: persona in possesso delle capacità e dei requisiti professionali di cui all'articolo 32, facente parte del servizio di cui alla lettera l);

Il D.Lgs. 81/2008 stabilisce che all’interno di un’azienda è necessaria la presenza di un Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP) che coordini le attività della Sicurezza negli ambienti di Lavoro. Nelle Aziende più grandi e strutturate l'RSPP viene affiancato da uno o più ASPP.

Questa figura, nominata dal datore di lavoro, deve possedere capacità e requisiti adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro, per assumersi e dimostrare di avere quelle responsabilità che gli permettono di organizzare e gestire tutto il sistema appartenente alla prevenzione e alla protezione dai rischi.


I COMPITI DEL RSPP  

  • Valuta i fattori di rischio, verifica e analizza nello specifico i rischi presenti nell'azienda ed elabora un piano contenete le misure di sicurezza da applicare per la tutela dei lavoratori chiamato DVR Documento di Valutazione dei Rischi;
  • presenta i piani informativi, formativi e di addestramento dei lavoratori;
  • collabora con il datore di lavoro ed il Medico Competente nella elaborazione dei dati riguardanti la descrizione degli impianti, i rischi presenti negli ambienti di lavoro, la presenza delle misure preventive e protettive al fine di redigere il Documento di valutazione dei rischi aziendali.

 

La formazione avviene su 3 Moduli A, B e C.

I Moduli A e B sono per RSPP e ASPP mentre il Modulo C è solo per la funzione di RSPP.

Modulo A:

  • la durata complessiva è di 28 ore a cui vanno aggiunte le ore per le verifiche di apprendimento finale,
  • la fruizione del Modulo A è consentita anche in modalità e-Learning

Modulo B:

  • è previsto un Modulo B comune a tutti i settori produttivi della durata di 48 ore e, di fatto, vengono aboliti i moduli declinati B1, B2, B3, B4, B5, B6, B7, B8 e B9,
  • il modulo B è propedeutico ai moduli di specializzazione,
  • i moduli B di specializzazione sono:
    • Modulo B-SP1: agricoltura - pesca della durata di 12 ore,
    • Moduli B-SP 2: cave - costruzioni della durata di 16 ore,
    • Modulo B-SP3: sanità - assistenza sociale residenziale della durata di 12 ore,
    • Modulo B-SP4: chimico - petrolchimico delle durata di 16 ore
  • le ore per le verifiche di apprendimento finale sono da aggiungere ai singoli corsi.

Modulo C:

  • La durata complessiva rimane di 24 ore
  • La verifica dell’apprendimento è obbligatoria

Nessuna responsabilità dal Dlgs81/08

 
 

La gestione del servizio in materia di sicurezza sul lavoro è presente anche nelle seguenti zone: Milano, Melzo, Inzago, Vignate, Liscate, Carugate, Brugherio, Cernusco sul Naviglio, Gorgonzola, Bellinzago Lombardo, Cologno Monzese, Cassano D’Adda, Treviglio, Paullo, Peschiera Borromeo, Cassano D’Adda, Segrate, Linate, Vimodrone, Pioltello, Melegnano, Pozzuolo Martesana, Settala, Cambiago, Caponago, Agrate, Truccazzano, Albignano, Pantigliate, Paullo, San Donato Milanese, San Giuliano Milanese, Caleppio, Merlino, Sesto San Giovanni, Vimercate, Vaprio D’Adda, Treviglio, Bussero, Trezzano Rosa, Trezzo D’Adda, Calvenzano, Caravaggio, Pandino, Casirate D’Adda, Segrate, in tutta la Provincia di Milano (Città Metropolitana), di Bergamo, di Monza e Brianza, Crema, Cremona, Lodi e nella Regione Lombardia e nei capoluoghi di provincia in Italia isole comprese.

RICHIEDI UN PREVENTIVOCHIAMA 02.95736942