SOTERIKON
Homepage » Archivio Approfondimenti

Le figure della sicurezza in azienda: RSPP e ASPP.

Chi è l'RSPP

Il D.Lgs 81/08 alla lettera f) definisce «responsabile del servizio di prevenzione e protezione» «RSPP»: persona in possesso delle capacità e dei requisiti professionali di cui all'articolo 32 designata dal datore di lavoro, a cui risponde, per coordinare il servizio di prevenzione e protezione dai rischi;

Chi è l'ASPP

Il D.Lgs 81/08 alla lettera g) «addetto al servizio di prevenzione e protezione» «ASPP»: persona in possesso delle capacità e dei requisiti professionali di cui all'articolo 32, facente parte del servizio di cui alla lettera l);

Il D.Lgs. 81/2008 stabilisce che all’interno di un’azienda è necessaria la presenza di un Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP) che coordini le attività della Sicurezza negli ambienti di Lavoro. Nelle Aziende più grandi e strutturate l'RSPP viene affiancato da uno o più ASPP.

Questa figura, nominata dal datore di lavoro, deve possedere capacità e requisiti adeguati alla natura dei rischi presenti sul luogo di lavoro, per assumersi e dimostrare di avere quelle responsabilità che gli permettono di organizzare e gestire tutto il sistema appartenente alla prevenzione e alla protezione dai rischi.


  • Valuta i fattori di rischio, verifica e analizza nello specifico i rischi presenti nell'azienda ed elabora un piano contenete le misure di sicurezza da applicare per la tutela dei lavoratori chiamato DVR Documento di Valutazione dei Rischi;
  • presenta i piani informativi, formativi e di addestramento dei lavoratori;
  • collabora con il datore di lavoro ed il Medico Competente nella elaborazione dei dati riguardanti la descrizione degli impianti, i rischi presenti negli ambienti di lavoro, la presenza delle misure preventive e protettive al fine di redigere il Documento di valutazione dei rischi aziendali.

La formazione avviene su 3 Moduli A, B e C.

I Moduli A e B sono per RSPP e ASPP mentre il Modulo C è solo per la funzione di RSPP.

Modulo A:

  • la durata complessiva è di 28 ore a cui vanno aggiunte le ore per le verifiche di apprendimento finale,
  • la fruizione del Modulo A è consentita anche in modalità e-Learning

Modulo B:

  • è previsto un Modulo B comune a tutti i settori produttivi della durata di 48 ore e, di fatto, vengono aboliti i moduli declinati B1, B2, B3, B4, B5, B6, B7, B8 e B9,
  • il modulo B è propedeutico ai moduli di specializzazione,
  • i moduli B di specializzazione sono:
    • Modulo B-SP1: agricoltura - pesca della durata di 12 ore,
    • Moduli B-SP 2: cave - costruzioni della durata di 16 ore,
    • Modulo B-SP3: sanità - assistenza sociale residenziale della durata di 12 ore,
    • Modulo B-SP4: chimico - petrolchimico delle durata di 16 ore
  • le ore per le verifiche di apprendimento finale sono da aggiungere ai singoli corsi.

Modulo C:

  • La durata complessiva rimane di 24 ore
  • La verifica dell’apprendimento è obbligatoria

Nessuna responsabilità dal Dlgs 81/08


Tutte le news Per utilizzare questa funzionalità di condivisione sui social network è necessario accettare i cookie della categoria 'Marketing'